Passeggiata all’interno del parco dei Bagni di Bormio

Passeggiata all’interno del parco dei Bagni di Bormio

Carissimi lettori di InBormio siamo lieti di trovare un po’ di tempo da dedicarvi in questi giorni di grande movimento. Siamo veramente soddisfatti di come il turismo italiano abbia premiato la nostra Valtellina. Le seconde case e gli hotel si sono riempiti, le terme hanno riaperto a pieno regime e i ristoranti sono praticamente sempre al completo. Basta fare una passeggiata per via Roma per rendersi conto dell’affluenza di questi giorni. Quindi, per evitare di passeggiare in zone con elevato sovraffollamento di persone, abbiamo pensato di consigliarvi una camminata all’interno del parco dei Bagni di Bormio. Ci raccomandiamo di indossare un paio di scarpe comode come dei scarponcini anti sdrucciolo poiché la maggior parte del tragitto sarà in discesa. Potreste portarvi nello zaino anche un pranzo leggero come un panino e della frutta di stagione. Avete provato le prugne Regina Claudia? Sono perfette da portare in gita. Pronti? Si parte…

Per semplificare il tragitto, consigliamo di prendere l’autobus gratuito che si può prendere ad ogni ora, a partire dalle 8.42, al semaforo di via Milano il quale vi porta in 20 minuti alla galleria dei Bagni Vecchi. A questo punto scendete tra pini, abeti ne larici in direzione della struttura termale che si trova a picco sulla vallata. E’ un colpo d’occhio unico che fa ripensare ai tempi di Plinio il Vecchio che descriveva questo luogo come un rifugio ideale per viandanti e pellegrini che si avventuravano in direzione del Tirolo. Qui trovavano sempre ristoro e un bagno caldo durante la traversata. Il consiglio è di continuare sulla vecchia mulattiera in direzione dei Bagni Nuovi. Si tratta di una passeggiata in discesa, quindi attenti a dove appoggiate i piedi mentre ammirate il paesaggio!

Al primo tornante troverete il Sasso Garibaldi che è un masso staccatosi dalla cima della Reit, maestosa montagna che sovrasta la contea di Bormio. Dice la leggenda che il generale Giuseppe Garibaldi abbia guidato, nel 1859, l’assalto ai Bagni Vecchi, occupati dagli Asburgo. Si può sostare in cima ad esso ed ammirare il panorama che include anche la chiesetta di San Gallo in Valdidentro. Alla sinistra del masso troverete un piccolo sentiero immerso nella vegetazione che porta alle vasche ad “S”. Queste servivano ad azionare ai tempi gli ascensori del Grand Hotel Bagni Nuovi tramite il movimento dell’acqua. In una giornata di sole qui viene in mente il giardino dell’Eden. A questo punto potreste scegliere di seguire il ruscello che vi porta direttamente alla fonte Pliniana, da dove sgorga l’acqua termale che in inverno raggiunge una temperatura compresa tra i 40° e i 43°. In estate, grazie all’acqua piovana, la temperatura scende fino ai 36° di questi giorni senza però perdere le sue qualità benefiche. Nel caso invece decideste di optare per tornare sulla mulattiera, allora vi troverete a percorrere una splendida passeggiata in direzione dei Bagni Nuovi dove potrete sostare all’ombra di un cembro per pranzare o per fare una piacevole sosta. Una volta usciti dal parco dei Bagni di Bormio vi raccomandiamo di continuare sulla strada che si congiunge alla statale 301 del Foscagno. Qui troverete una deviazione che dalla località di Molina vi porterà, passando dalla strada del dosso del Grillo, alla chiesetta di San Gallo in Valdidentro. Qui, costeggerete i campi da golf e in pochi minuti farete ritorno a Bormio.

Abbiamo calcolato che questa passeggiata dura un totale di 2 ore e 30, partendo da Bormio con l’utilizzo dell’autobus fino alla galleria dei Bagni Vecchi. Ovviamente, se vi avanza tempo, passate a trovarci alla bottega Sunday per un aperitivo gourmet o per una buona grigliata mista alla nostra Keller steak-house

Bene, speriamo proprio che troviate un po’ di tempo per poter visitare questo angolo di paradiso. Però questo è un segreto, quindi acqua in bocca. Alla prossima settimana, cari lettori di InBormio.